Apertura preiscrizioni 2018

A pochi giorni dal successo e dalla conclusione della terza edizione del Transitalia Marathon, l’organizzazione di Mirco Urbinati è pronto a lanciarsi in un’altra avventura.

L’Italian Challenge, un viaggio in moto che come lo scorso anno porterà gli appassionati da Riccione a Maratea, attraversando nove regioni e lungo ben 1400 chilometri di percorsi di asfalto secondario e sterrati.

Panorami mozzafiato, un’Italia sconosciuta ai più, e bellissima, sono le prerogative di un evento che Urbinati ha tirato fuori dal suo cilindro un anno fa e che fa già tanto parlare di sé.

Una nuova formula di “Adventouring” che, coinvolgendo come sempre una folta schiera di collaboratori, si snoda lungo un’Italia mai battuta da quello che si può chiamare turismo classico On Road.

Il fuoristrada fa capolino qua e là, con sterrati e mulattiere mai troppo impegnative, mentre è l’asfalto, o quello che resta di catrame e cemento, su strade secondarie che rende la vita dei partecipanti un po’ più difficile in certi passaggi stretti.

Nel 2016, anno della nascita della manifestazione, Urbinati partì con soli 30 partecipanti, per un test che superò tutte le aspettative: dello stesso organizzatore e dei partecipanti.

Una traccia GPS caricata, tratti a road book e waypoint e tanta voglia di divertirsi in moto, nell’ultima settimana di maggio. Queste le caratteristiche dell’iniziativa che propone un Coast to Coast anomalo, che scende zigzagando dalla costa est dell’Italia, dall’Adriatico allo Ionio.

Alla scoperta di strade che al 60 per cento non compaiono neanche sulle mappe stradali. Disegnare il percorso infatti, non è semplice e molti dei paesi attraversati, come successo lo scorso anno, non hanno mai visto tante moto tutte insieme.

Urbinati ama sottolinearlo e quasi si emoziona mentre lo dice perchè tante sono state le dimostrazioni di amicizia, di affetto da paesini che a volte non contano neanche venti abitanti.

La moto giusta è una ‘turismo’ non per forza con ruote artigliate. Perchè il viaggio alla scoperta di un’ Italia nascosta fra le pareti degli Appennini si svolge per lo più su strade asfaltate, talvolta in pessime condizioni, o molto strette, con solo il 30 per cento ogni giorno lasciato alla polvere delle strade bianche, giusto per sporcarsi un po’.

Un viaggio nel tempo da condividere con se’ stessi, che si può affrontare da soli, oppure in gruppo, con le partenze organizzate come sui rally, due alla volta, ogni due minuti, ogni mattina e tappe da circa 400 chilometri giornalieri.

Le iscrizioni, a numero chiuso di 100 partenti, si apriranno il 13/11/2017 e ancora una volta la partenza avverrà da Riccione (RN) fino quattro spettacolari finetappa: Campo Imperatore (Aq), Campitello Matese (CB), Pietrapertosa (PZ) e infine Maratea (PZ).

Conferma delle iscrizioni da Gennaio 2018 con pagamento della quota di acconto.